Relax: "Storia Memoria" | Delaini & Partners

X
All'interno dello scorrere del tempo - lento o veloce, in funzione del nostro stato d'animo del momento - c'è un qualcosa che pochi di noi vorrebbero perdere per sempre: i ricordi.

Questa serie di racconti brevi e autobiografici cerca di fissare un periodo di evoluzione galoppante nella vita e nelle abitudini di tutti gli Italiani, l'inizio degli anni '50.
Si è trattato di una fase che potremmo definire "rivoluzionaria" nel senso che ha ribaltato in maniera irreversibile abitudini, cultura, modelli economici, rapporti sociali, stili di vita, aspirazioni. Un'Italia che in precedenza era fortemente innestata sulle radici locali, famigliari e spesso contadine, si è ritrovata proiettata in una fase che, accanto alla ricostruzione postbellica e alla prima industrializzazione, ha permesso i viaggi (la prima automobile per moltissimi, l'Autostrada del Sole nel 1964), ha imposto faticose e dolorose migrazioni dal Sud al Nord, ha visto apparire nella vita quotidiana oggetti sconosciuti come la televisione o il frigorifero.

Ma questi sono gli spaccati di vita colti da diecimila metri d'altezza.
"Storia Memoria", che eredita il nome da una filastrocca delle nostre nonne, si occupa del microcosmo di un bambino che in quell'epoca scopre il mondo attraverso i racconti e i commenti degli adulti (i genitori, un nonno come quelli delle favole) ma anche le piccole vicende quotidiane che la vita di città e di campagna gli mettono davanti. I contesti sono quello urbano di Verona e quello contadino delle sponde del Lago di Garda, per cui si perdonerà l'inserimento di espressioni dialettali qua e là, indispensabili per rendere il contesto.
E' un peccato che i nostri figli e nipoti non possano assaporare uno spaccato dei tempi di chi li ha preceduti e che la memoria - adesso che il trasferimento orale dei ricordi non è più di moda - vada irrimediabilmente perduta anche nei dettagli curiosi o folcloristici.
Ad esempio, nessuno o quasi ricorda come la "Monovolume" sia stata inventata in Italia nel 1956: era la Fiat 600 Multipla. Ma molte altre sono le cose talmente cambiate da risultare oggi quasi appartenenti ad un mondo mitologico:
  • le fasi della mietitura, trebbiatura ed essiccatura del frumento, vissite nella aie delle cascine
  • la vendemmia, festoso momento di aggregazione di ogni autunno
  • la coltura dei bachi da seta, il cui ricavato andava interamente alle donne per le spese della casa e la dote delle figlie
  • l'uccellagione con le reti e le sagre degli uccelli
  • le professioni scomparse: lavandaie, arrotini, chi raccoglieva stracci, ossa e ferri vecchi
  • il Carnevale per le strade e nelle piazze, ritorno alle feste pagane.
Questo e altro ancora è stato travasato (o distillato, se preferite) in "Storia Memoria", perchè il fascino di un passato più spontaneo e meno complicato non vada a scomparire troppo in fretta.
X

X
X

QR Code:
ASCOLTA L'ANTEPRIMA DEL LIBRO
"Storia Memoria" è disponibile anche come eBook ed è stato pubblicato dalla casa editrice Albatros, Gruppo Feltrinelli

Parte del ricavato della vendita sarà destinato alla realizzazione e al sostegno dei laboratori solidali di scrittura LetterariaMente.
X

X