Comunicazione efficace | Delaini & Partners

X
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x

x
x
X
X
x

Via Augusto Battaglieri, 16
15033 - Casale Monferrato (AL)

info@auroraacademy.it
www.auroraacademy.it

x
In occasioni precedenti abbiamo chiesto a Simone Lisi di illustrarci come la conoscenza del Linguaggio Non Verbale possa essere di aiuto nella comunicazione di un professionista. Adesso vorremmo chiedergli di fare un passo in più per sapere se questo strumento può essere altrettanto importante all’interno di un’azienda e se ci sono altre tecniche o discipline che, come consulente aziendale e formatore, può indicarci.


Certamente, il Linguaggio Non Verbale (LNV) è tanto importante per i professionisti, quanto per un’azienda, ma questo è solo una delle tecniche che un bravo consulente può apportare per un miglioramento della comunicazione, della gestione delle risorse umane, della leadership, e di tanto altro ancora.
Nel nostro caso ad esempio, l’intero paniere delle consulenze che proponiamo, è composto da una serie di percorsi che nella loro totalità chiamiamo AJC (Aurora JOB CRAFTING).
I punti cruciali e focali, i settori e le persone che in un’azienda - senza che chi la governa se ne renda conto - necessitano di essere monitorati e seguiti (che necessitano insomma della giusta attenzione), sono svariati.
Le discipline, le tecniche, nonché la scienza (perché di questo stiamo parlando) che possono essere utili ed a volte indispensabili ad un’azienda sono molte ed abbracciano una grande diversità di applicazioni. Un articolo non basta per poter descrivere dettagliatamente quanto dei validi consulenti possono apportare, in termini di miglioramento, nella vita aziendale, ma cercherò comunque nelle righe seguenti di riuscire a darne una esaustiva esposizione.
Le compagini ed i comparti aziendali in cui dei percorsi consulenziali possono diventare dei fattori di successo, vanno dalla gestione delle risorse umane, alla comunicazione interna ed esterna, al management, fino ai reparti produttivi.

Per praticità esplicativa, suddividiamo le tematiche in 3 macro aree come:

  • comunicazione efficace,
  • la vita in azienda,
  • un’azienda organizzata.

Comunicazione efficace
Parlando di comunicazione efficace, oltre a quanto già detto sull’importanza e l’efficacia in questo campo di conoscenze del linguaggio non verbale, pensate quanto possa essere importante in termini di produttività portare in un’azienda conoscenze e know-how su:
  • capacità di ascolto : saper ascoltare, capire e interpretare nel miglior modo possibile quelle che possiamo indicare come voci di popolo o di corridoio che ci possono dare un indice di malumore, malessere, ma anche di soddisfazione, benessere e che in genere arrivano da: collegi, sottoposti, collaboratori, operai, segretarie, insomma da tutto l’organico aziendale.
  • capacità di comunicazione interpersonale diretta, telefonica o scritta : trovare le giuste parole ed il giusto modo di esporle, attraverso qualsiasi mezzo si sia deciso di comunicare è un altro dei punti cruciali che troppo spesso si tende a sottovalutare.
  • negoziazione : quanto è importante la capacità di negoziare per un manager, ogni volta che deve far fronte alle richieste dei propri dipendenti o dei clienti o ancora di fornitori o consulenti?
  • parlare in pubblico : questo vi garantisco che è uno degli ostacoli più ardui che troviamo nelle aziende, ci sono ancora troppi manager, direttori o personaggi che comunque rappresentano un’azienda in pubblico, che perdono tranquillità e lucidità se il numero delle persone con cui devono confrontarsi diventa significativo

Vita in azienda
Per vita in azienda invece, intendiamo quella serie di tecniche e discipline attraverso le quali si possono migliorare:
  • la motivazione dei dipendenti e collaboratori : vorrei portarvi ad esempio la trasformazione motivazionale avvenuta all’interno di un’azienda ospedaliera, quando agli addetti alle pulizie, che mettendosi a confronto con personale medico e paramedico si sentivano meno importanti e di conseguenza meno motivati sul lavoro, è stato prospettato il fatto che il loro lavoro era altrettanto necessario al fine di salvare vite umane, poiché senza un’adeguata pulizia e sterilizzazione di strumenti ed ambienti, il solo operato dei chirurghi non sarebbe bastato.
  • la gestione dello stress : è scientificamente provato che le persone che non riescono a controllare lo stress, trovandosi in questa situazione tendono a sbagliare di più e produrre meno.
  • la valorizzazione dei talenti : troppe volte nelle aziende si tende a non tener conto, sia per deficienza di informazioni sia per sottovalutazione della cosa, degli effettivi talenti delle persone, arrivando ad un livellamento, quasi sempre verso il basso, delle possibilità e del potenziale dei soggetti.
  • la gestione dei gruppi di lavoro : altro punto importante nella vita aziendale è quella di creare gruppi di persone, con la capacità di lavorare in accordo e coesione verso il risultato finale.
  • la leadership : penso che sull’importanza di questo punto, ne abbiano parlato e scritto le maggiori riviste e consulenti in tutto il mondo.
Questi non sono che pochi esempi dei settori dove il LNV e tutte le altre discipline e scienze, come la pnl, job CRAFTING, ed altre ancora, messe al servizio delle aziende possono effettivamente esser di aiuto ad un processo di miglioramento delle stesse aziende.
L’unica cosa che però mi sento assolutamente di consigliare è quella di prestare molta attenzione alla scelta del consulente. Io personalmente diffiderei dai tuttologi, come per esempio non è detto che un consulente che appaia molto sul WEB e sui social sia migliore di uno che non ha queste caratteristiche. Il nostro modus operandi ad esempio, sicuri delle nostre capacità, prevede che tutte le fasi di analisi preliminare siano gratuite e che dopo i primi due incontri operativi (nel caso l’imprenditore decida di non voler continuare per qualsiasi motivo) vengano restituita all’azienda le somme anticipate per la consulenza. Penso che una tale modalità operativa sia sinonimo di serietà e sicurezza nei propri mezzi.

L'azienda bene organizzata
Per concludere vorrei portare alla vostra attenzione che personalmente non penso che sia utopico, ma purtroppo neppure scontato, affermare che un’azienda bene organizzata passa anche attraverso:
  • la creazione e gestione degli obiettivi
  • la gestione del tempo
  • la conoscenza dell’orientamento del mercato
  • la pubblicità
  • la comunicazione sui social e sul web
  • il risk management
Come già detto nei precedenti articoli, nell’era digitale, nell’era dell’industria 4.0, gli strumenti a disposizione delle aziende sono sempre maggiori, ma sempre di più, aziende di successo passano attraverso uomini di successo. A tal proposito, dopo anni trascorsi a studiare le persone vincenti, ma anche quelle che normalmente definiamo “Perdenti”, anni trascorsi a capire quali fattori ci spingano verso l’alto o verso il basso, cosa ci sia alla base di quelle differenza che fa la differenza, sono arrivato a formulare una mia personalissima teoria sul successo.
Basata sulla Self Determination Theory, ne rivisita nell’ordine e nei significati i principi cardine ( Autostima, Competenza, Riscontro ) dando a questi nuovi valori, questa nuova teoria l’abbiamo chiamata Aurora Success Theory ( AST ), ma di questo, se sarò ancora ospite di questo magazine, ne parleremo la prossima volta.
X